Miglior binocolo 2020: classifica e guida all’acquisto

Il binocolo è uno strumento davvero eccezionale che consente di ingrandire le immagini anche a distanza di svariati chilometri. A prescindere dall’utilizzo che se ne voglia fare, è importante capire bene, prima di un possibile acquisto, quali sono le caratteristiche principali di uno strumento così magnifico. Svariati, come detto, sono gli utilizzi: si può utilizzare un binocolo che siamo soliti andare a caccia, oppure per il birdwatching, o magari perché ci piace fare delle escursioni e ci piace collocarci su altipiani in maniera tale da poter godere dello spettacolo della natura.

Come funziona un binocolo

Insomma, prima dell’acquisto sarebbe utile capire bene come funziona un microfono, cercare di comprendere al meglio le varie caratteristiche con cui sono realizzati e quindi lo scopo ultimo.

Per finalizzare lo scopo principale, ogni binocolo è dotato di alcuni prismi, un sistema di lenti che permettono di riflettere la luce all’interno e rendere visibile un’immagine che l’occhio umano non sarebbe in grado di ottenere. Migliore, ovviamente, sarà la qualità delle lenti e migliore sarà la visione.

All’interno del binocolo, le lenti, i prismi, possono essere allineati e quindi si dicono “a tetto”; possono, inoltre, essere disposti a “S” e si dicono invece a Porro. Questo secondo tipo di binocolo difatti è caratterizzato da una tecnica che “rompe” la luce e resiste molto meglio ai riflessi, donando un’immagine molto più nitida e di qualità sicuramente superiore. Utilissimi anche controluce o con visibilità ridotta.

Nel dettaglio, la luce passa attraverso il binocolo e difatti produce un’immagine che è difatti ribaltata, ecco perché ogni binocolo è dotato di un sistema di raddrizzamento dell’immagine: sono proprio i prismi di vetro che sono protagonisti di questa operazione, grazie a delle rifrazioni.

I prismi a Porro sono quelli che hanno un costo più contenuto e disperdono meno luce durante le operazioni di rifrazione. Questo perché effettuano meno operazioni di questo tipo. Un minor numero di rifrazioni permette di disperdere la luce in maniera meno incisiva, quindi si otterrà una luminosità dell’immagine migliore. Tra gli svantaggi principali di questo tipo di prismi, però, c’è il fatto che questi sono parecchio più pesanti: si tratta, infatti, di due prismi uno vicino all’altro, e sono anche abbastanza grossi. Oltre a questo, lo strumento apparirà anche più grande.

I prismi a tetto, invece, sono realizzati in maniera molto più complessa: durante le operazioni di accostamento degli stessi, il produttore deve utilizzare una precisione certosina, altrimenti si rischia di danneggiare la qualità dell’immagine finale. Ecco perché si tratta di prodotti molto più costosi dei primi: sono più piccoli, più leggeri e compatti dei loro cugini.

Altra cosa fondamentale da sapere circa i binocoli è il fatto che la qualità dell’immagine è determinata anche in gran parte dal materiale utilizzato per le lenti e i prismi. Si tratta di vetri particolari che di solito sono di due tipi, vetro Bk7 e Bak4. Il primo è vetro borosilicato che è molto resistente e consente di ottenere un risultato ottimale specie in quanto a trasparenza, ecco perché è adatto a trasmissioni di luce importanti. Il secondo, invece, è al crown-bario, ed ha un indice di rifrazione molto basso, quindi una bassa dispersione di luce: viene utilizzato, per questo, per la produzione di binocoli di alta qualità. Come già accennato, i prodotti avranno dei costi sensibilmente differenti.

Come scegliere il miglior binocolo

Ma in maniera pratica, cosa tenere in considerazione per la scelta adeguata del termometro? Parlando di fattori puramente tecnici, dobbiamo prendere in considerazione alcune cose fondamentali prima dell’acquisto. Per esempio, l’ingrandimento, che indica di quanto quel determinato binocolo riesce ad ingrandire un determinato soggetto. Ovviamente si fa riferimento di base all’occhio nudo.

Quando si acquista, quindi, una delle cose principali da dover sapere è proprio questa informazione.  Anche l’obiettivo è importantissimo. Questo è dato proprio dalle due lenti che sono posta una di fronte l’altra: difatti, il diametro delle lenti fa si che venga stabilita la quantità di luce entrante. Maggiore sarà la quantità di luce che entra, maggiore sarà l’apertura, e maggiore sarà la chiarezza delle immagini. Ovviamente, se l’apertura è maggiore, le dimensioni del binocolo saranno maggiori e quindi sarà pesante lo strumento.

Altro fattore da non trascurare è sicuramente il campo della visuale, ovvero la dimensione totale di quello che riusciamo a vedere col binocolo. E’ la dimensione maggiore che si riesce a vedere con i binocoli. I binocoli grandangolari, per esempio, riescono a fornire un maggior campo di visuale a parità di ingrandimento. Sono molto utili se si osservano oggetti in movimento. Da segnalare come aumentando l’ingrandimento, diminuirà il campo di visuale, quindi la scelta del binocolo deve tenere in considerazione quest’aspetto fondamentale.

Per ottenere un’immagine quanto più chiara e limpida possibile i binocoli fruiscono di un regolatore di diottria. Questo strumento permette di colmare il gap, o meglio regolare l’immagine in base al proprio occhio. Importante è, inoltre, il rilievo oculare, ovvero il fatto che possano essere utilizzati i binocoli anche se si portano gli occhiali da vista. Si tratta della distanza alla quale le immagini vengono proiettate dalle lenti al punto focale.

Migliori binocoli: la classifica

Omegon Binocolo Seastar 7×50

Omegon Binocolo Seastar 7x50

Si tratta di un prodotto particolarmente indicato per la nautica. Ha un ingrandimento di 7x, appunto ideale per la vela. Dotato di bussola e una piastra di misurazione precisa. Grazie alla tecnologia o-ring permette un’ottima impermeabilizzazione e quindi contrasta infiltrazioni di umidità. Utilizza prismi Bak-4.

Vedi il prezzo su Amazon.

QUNSE Binocolo 10 x 50 per adulti

QUNSE Binocolo 10 x 50 per adulti

Questo binocolo ha un prezzo contenuto ma è di ottima fattura. E’ dotato di bussola nautica, con scala di misurazione della distanza. Il vetro ottico è di grandi dimensioni, 50 mm, mentre la lente oculare è di 26 millimetri. Lenti pure Bak-4, antiriflesso, ottime in quanto a resa e nitidezza. Grazie al sistema di messa a fuoco 100% si può registrare lo strumento in base alle proprie esigenze.

Vedi il prezzo su Amazon.

Binocolo Bresser Astro 20×80 con prismi a porro

Binocolo Bresser Astro 20x80 con prismi a porro

Binocolo con lenti Porro ottime, fruiscono della qualità Bak-4 e risulta particolarmente comodo grazie al design. Il diametro dell’obiettivo è extra grande e questo garantisce delle immagini molto nitide e luminose. Presenti delle conchiglie oculari in gomma pieghevoli, ottime per chi porta gli occhiali. Facilmente montabile anche su treppiedi. Il prezzo è molto contenuto e il prodotto è eccellente.

Vedi il prezzo su Amazon.

Nikon Action EX 8X40 CF Binocolo

Nikon Action EX 8X40 CF Binocolo

I binocoli Nikon sono una garanzia. Prodotto eccellente e dal prezzo neanche esagerato. E’ impermeabile, fino a un metro per ben 5 minuti; anti appannante e si serve del riempimento ad azoto. Grazie alla configurazione a proiezione arretrata dell’oculare permette un campo visivo molto chiaro e ben definito, anche a chi fa uso di occhiali. Dotato di conchiglie oculari con rotazione ed estrazione della gomma. Le componenti ottiche sono realizzate in eco glass, senza piombo.

Vedi il prezzo su Amazon.

Nikon Monarch 5 8X42 Binocolo

Nikon Monarch 5 8X42 Binocolo

Prodotto eccezionale, costoso, ma eccellente. Il design è davvero accattivante e le dimensioni incredibilmente ridotte: si parla di circa 15 cm di lunghezza per il modello base. E’ utile a chi ne fa un uso particolare anche in condizioni climatiche molto sfavorevoli e in condizioni di luminosità bassa. Viene spesso scelto dai cacciatori per la sua qualità di resa. Si ottengono delle immagini nitide grazie al vetro ED. Anche qui, le conchiglie oculari sono in gomma e si possono estrarre.

Vedi il prezzo su Amazon.

APEMAN 12×25

APEMAN 12x25

Piccolo binocolo che viene pensato principalmente per i bambini. Ha un prezzo veramente ridotto, è compatto, molto leggero. Dotato di una tracolla e una piccola borsa, permette un ingrandimento 12x e beneficia di lenti a tetto. Nonostante sia un prodotto comunque non per uso professionale, dobbiamo dire che il risultato ottenuto è davvero soddisfacente.

Vedi il prezzo su Amazon.

Olympus DPS

Olympus DPS

Altro prodotto a basso costo che ha avuto un riscontro molto positivo. La rifinitura è di qualità, mentre il campo di visione super grandangolare è di 65°. Permette di ingrandire con grande facilità anche spazi molto ambi. 10×50 Dps I, è un binocolo amatoriale, particolarmente consigliato per l’attività di bird watching. Pesa 855 grammi.

Vedi il prezzo su Amazon.

Binocolo VS8x25S SGODDE Compact

Binocolo VS8x25S SGODDE Compact

Anche questo strumento ha goduto di una fama particolare per lungo periodo. Dotato di un obiettivo da 25 mm, permette ingrandimenti 8x. E’ impermeabile, molto resistente e potente. I materiali utilizzati sono davvero ottimi. Si serve di prismi Bak-4 per un’ottima rifrazione della luce.

Vedi il prezzo su Amazon.

Come regolare un binocolo

Per prima cosa, quando si usa un binocolo, bisogna regolare lo spazio tra i lati e i nostri occhi. Bisogna prendere i lati dello strumento e avvicinarli fino a farli coincidere con i nostri occhi. Questo fino a quanto l’immagine non sarà molto chiara: e’ un’operazione che richiede pochi secondi.

Come collimare un binocolo

La collimazione consiste nell’accostare due telescopi rifrattori, in maniera tale da ottenere un binocolo. Quando un binocolo non ha una buona collimazione, non riesce a svolgere in maniera adeguata il suo lavoro. Solitamente per verificare questo bisogna andare in una zona con tanta luce, meglio se solare, inquadrare ad esempio un edificio o un oggetto in lontananza: focalizzarsi su un qualcosa da inquadrare e capire se l’inquadratura presenta delle anomalie visive. Se così fosse, consigliamo di rivolgersi a un esperto, visto che si tratta di un’operazione non facile: bisogna regolare le viti di fermo del prisma.

Chi ha inventato il binocolo

Possiamo dire che i binocoli sono stati realizzati partendo dall’invenzione del grande Galileo Galilei, ovvero il cannocchiale. In realtà, qualcuno asserisce che in vero i cannocchiali venissero usati già in Olanda nei primi del Seicento ed erano stati realizzati con un tubo di ottone e una lente convergente.

Lascia un commento