Inclinazione pannelli solari: come calcolarla

 Inclinazione pannelli solari: come calcolarla

Il progresso tecnologico e l’abbassamento del costo dei pannelli fotovoltaici ha incoraggiato un numero cospicuo di persone a effettuare un vero e proprio investimento, per quanto concerne le fonti rinnovabili, così da tramutare la propria abitazione in una sorta di piccola centrale solare.

Difatti, è anche grazie all’utilizzo di questi particolari pannelli, se il sole è diventato una fonte energetica di notevole convenienza, oltre a essere estremamente competitiva.

Un aspetto però da tener ben presente è che, per poter usufruire al meglio dell’efficienza di un modulo di tipo fotovoltaico, risulta indispensabile andare a calcolare l’inclinazione giusta e il corretto orientamento dei pannelli.

Con l’installazione dei pannelli fotovoltaici si può beneficiare della produzione di una forma di energia pulita, andando a risparmiare enormemente sul costo delle bollette e, allo stesso tempo, potrete dare un vostro contributo concreto per la salvaguardia del pianeta.

In che modo si può calcolare l’inclinazione dei pannelli fotovoltaici

Per riuscire a ottenere un rendimento ottimale di un modulo di tipo fotovoltaico, è indispensabile che l’incidenza dei raggi del sole sia il più possibile perpendicolari al pannello.

La resa ottimale di un impianto fotovoltaico dipende non soltanto dal posizionamento dal punto di vista geografico, ma anche dall’orientamento, precisamente dall’angolo d’inclinazione con cui viene montato.

L’orientamento dei pannelli fotovoltaici si può andare a verificare con estrema facilità, attraverso l’uso di una pratica bussola. Facciamo chiarezza: per l’emisfero nord del mondo, dove ci troviamo anche noi italiani, l’orientamento ottimale è verso Sud. Diversamente, per chi si trova nell’emisfero sud, l’orientamento ottimale è verso nord. E’ preferibile verificare l’orientamento dei nostri pannelli nelle ore centrali del giorno, durante le quali il rilascio energetico solare è massimo.

Dunque per una corretta inclinazione dei pannelli fotovoltaici, è importante tener presente di determinate variabili come per esempio il periodo dell’anno e la latitudine.

Pensate che un giusto grado d’inclinazione permette la massima assimilazione di radiazione solare, garantendo così un elevato rendimento energetico.

L’inclinazione dei pannelli non consente d’intercettare in modo perpendicolare i raggi del sole? In questo caso si andrebbe incontro a una considerevole perdita di resa, in riferimento all’impianto fotovoltaico.

Pertanto, tenendo presente che l’irraggiamento del sole sulla Terra non risulta assolutamente costante, l’inclinazione ideale dei pannelli fotovoltaici non rappresenta un valore fisso. Difatti, come abbiamo detto, può mutare in base alle latitudini e al periodo stagionale.

Quindi se volete attenervi a un tipo d’indicazione in forma generica, si può sostenere che una buona inclinazione dei pannelli fotovoltaici è pari alla latitudine del posto in cui devono essere installati.

La giusta inclinazione dei pannelli fotovoltaici in inverno e in estate

Durante la stagione più fredda il sole risulta basso all’orizzonte. Ne consegue che, per intercettare in modo più efficiente i raggi solari, si dovrebbe aumentare l’inclinazione di circa 10 o 15 gradi rispetto al valore della latitudine.

Mentre per quanto riguarda il periodo estivo, quando il sole si trova posizionato alto all’orizzonte, in tal caso si dovrebbe andare a diminuire di 10/15 gradi.

Seguendo tali indicazioni potrete ottenere un’ottima resa durante l’intero arco dell’anno.

Related post