Come si svolge la sanificazione degli ambienti

 Come si svolge la sanificazione degli ambienti

Ti chiedi come si svolge la sanificazione degli ambienti? Certo, mai come nell’ultimo anno e mezzo abbiamo sentito ripetere più volte termini come igienizzazione, sanificazione e disinfestazione. Una è chiara a tutti noi ormai, che questi interventi sono diversi per metodologia e scopo.

In questo post ci soffermeremo su tutto ciò che devi sapere su cos’è e su come si svolge la sanificazione degli ambienti, inclusi locali commerciali, negozi, ristoranti e uffici.

Se invece hai bisogno di una ditta di sanificazione a Roma clicca qui.

Cosa significa sanificazione degli ambienti e a cosa serve

Iniziamo col chiarire questo aspetto fondamentale, ossia cosa significa sanificazione degli ambienti e a cosa serve. Detto in maniera semplice e concisa, si tratta di un intervento mirato all’eliminazione di qualsiasi agente patogeno o batterio presente sulle superfici. Semplici operazioni di pulizia ed igienizzazione non riescono a raggiungere questo scopo.

Non esiste il momento migliore per effettuarla, anche perché, soprattutto gli ambienti come scuole, uffici e negozi in cui spesso l’aria è contaminata, la sanificazione ambientale dovrebbe essere regolare, non un intervento straordinario.

Quali sono gli ambienti da sottoporre a sanificazione?

Chiaramente la carica microbiologica aumenta in ambienti frequentati da un modesto numero di persone, quindi le attività commerciali di qualsiasi genere rientrano negli ambienti per i quali si raccomanda una sanificazione periodica. Ecco alcuni settori in cui questo intervento è indispensabile:

  • settore della ristorazione;
  • strutture alberghiere;
  • settore ospedaliero;
  • uffici e locali commerciali;
  • settore alimentare;
  • scuole e università;
  • palestre e piscine.

Ovviamente l’elenco potrebbe continuare a lungo, tenendo conto che molte aziende possiedono anche mense e spogliatoi e altri locali frequentati da un gran numero di persone giornalmente. Detto questo, come si svolge la sanificazione degli ambienti? Quali sono i principali metodi?

Come si svolge la sanificazione degli ambienti: metodi

Di recente sono state sviluppate alcune tecnologie, davvero innovative, per una sanificazione ecosostenibile, quindi efficace ma che rispetti pienamente l’ambiente. Una di queste è proprio l’ozonizzazione. L’altro metodo di cui vogliamo parlarti, più tradizionale ma molto efficace, è la sanificazione a vapore.

Ozonizzazione

Hai già sentito parlare della sanificazione ad ozono? Probabilmente sì, dato che l’ozono da sempre è considerato come uno dei migliori disinfettanti naturali nel settore sanitario. Questo gas ha la capacità di raggiungere i punti più difficili rimuovendo qualsiasi virus o agente patogeno presente nell’ambiente, con un’efficacia pari al 99,98%. Inoltre, agisce molto rapidamente, non lascia alcuna traccia sulla superficie trattata, è naturale, quindi totalmente ecologico e anche economico.

Come si svolge? In ambienti completamente evacuati, per impedire che sorgano danni alle vie respiratorie, l’ozono viene erogato in alta concentrazione. Come indicato prima è un’operazione che richiede poco tempo, quindi non crea disagio ad attività commerciali o uffici pubblici. Per un intervento di un’area di circa 100 metri quadrati la durata della sanificazione è di circa 30 minuti.

Questo tipo di sanificazione è sempre più richiesta anche grazie al fatto che il Ministero della Sanità ha riconosciuto l’ozono come un disinfettante naturale d’eccellenza per sanificare gli ambienti.

Sanificazione a vapore

Questo tipo di sanificazione con l’utilizzo del vapore è stato uno dei primi provvedimenti presi in ogni parte del mondo per sanificare gli ambienti pubblici subito dopo lo scoppio della pandemia da Covid 19. Forse hai visto personalmente o al telegiornale uomini in tuta bianca con generatori di vapore sterilizzando mezzi di trasporto, strade, panchine e negozi. In effetti, l’alta temperatura è risaputo che permetta di eliminare virus e batteri anche al primo trattamento.

 Come funziona la sanificazione a vapore? Semplicemente, senza usare sostanze chimiche di alcun genere, si utilizza un pulitore a vapore in cui l’acqua viene portata ad ebollizione e produce così un getto di vapore ad alta temperatura, circa 180 gradi. Questo metodo di sanificazione completamente naturale permette di eliminare e rimuovere il 99,99% di germi, muffe, funghi e altri agenti patogeni. Il vapore che viene generato è a secco, questo significa che ha una bassa percentuale di particelle liquide presenti quindi non rovina in alcun modo le superfici né le lascia umide.

La sanificazione a vapore non lascia residui, rispetta l’ambiente e le superfici, è rapida, raggiunge ogni angolo, anche quelli più ostili e non prevede l’utilizzo di sostanze chimiche. Un’ottima soluzione, considerando che è anche efficace quasi al 100%.

Sicuramente ora ti è più chiaro come si svolge la sanificazione degli ambienti e quali sono i metodi maggiormente utilizzati. Non ti resta che rivolgerti ad un’impresa specializzata che offra questo servizio.

Related post