7 motivi per visitare l’Alto Adige

 7 motivi per visitare l’Alto Adige

L’Alto Adige è sicuramente una delle zone d’Italia più affascinanti, specie se siete degli amanti della montagna, degli sport invernali, delle camminate nei boschi o del buon cibo.

Si trova a nord della penisola, proprio al confine con l’Austria e la Svizzera e, oltre a possedere decine di luoghi magici e territori di una bellezza unica, ha anche una lunga e interessante storia da raccontare.

Se avete deciso di trascorrere in Alto Adige qualche giorno di vacanza o semplicemente è una delle mete che state prendendo in considerazione per il prossimo viaggio, abbiamo preparato per voi, con l’aiuto di Fabrizio, autore di viaggioincoppia.com, vero esperto di Alto Adige, l’elenco dei 7 motivi per cui la vostra scelta è (o sarebbe) pienamente azzeccata!

Il lago di Braies

Divenuto famoso grazie anche alla serie TV “Un passo dal cielo” con Terence Hill, il lago di Braies è un lago alpino veramente incantevole, che si trova nella Val Pusteria. Visitato ogni giorno da migliaia di persone, il lago è veramente un luogo magico, che vale la pena di vedere in ogni stagione.

La cosa più spettacolare sono sicuramente i colori delle sue acque, che spaziano dal celeste, all’azzurro sino a varie gradazioni di verde. Si trova a circa 1500 metri sul livello del mare, all’interno del parco naturale Fanes-Senes-Braies e sulle sue timide acque si specchiano le circostanti Dolomiti. E’ possibile percorrere il sentiero lungo il perimetro del lago e fermarsi ad ammirare una piccola chiesetta della Madonna, che si trova proprio lungo il sentiero.

Le Tre Cime di Lavaredo

Dopo il lago di Braies, le Tre Cime di Lavaredo sono la seconda grande attrazione della Val Pusteria. Si tratta di un imponente massiccio montuoso a tre punte, che ha l’aspetto di tre dita che puntano verso il cielo.

Sono condivise dall’Alto Adige su un lato e dal Veneto sul lato opposto e considerate come una delle meraviglie naturali più famose dell’alpinismo. Sono numerosi i percorsi di trekking e alpinismo che ruotano attorno alle Tre Cime, ma tutti hanno in comune i paesaggi mozzafiato che danno la possibilità di ammirare.

I canederli

E’ ovvio che le meraviglie dell’Alto Adige siano incantevoli e che sia giusto goderne appieno il più possibile, ma anche il palato ha bisogno di essere viziato un pochino e da queste parti sanno come fare. Qualora vi troviate a trascorrere del tempo in Alto Adige, è impensabile che andiate via senza aver assaggiato i canederli.

Cosa sono i canederli?

Sono un piatto povero della tradizione contadina, di forma rotonda, ma spesso ovale, realizzato con resti di pane raffermo e diversi ingredienti contadini che variano in base alla stagione, come speck, formaggio, rape rosse, spinaci, ortica etc.. Vengono poi fatti bollire, affogati nel burro e decorati con un pizzico di parmigiano o erba cipollina.

Bolzano

Bolzano è il capoluogo altoatesino e una città che nasconde una miriade di tesori al suo interno. Bolzano è una città di dimensioni abbastanza piccole che possiede un centro storico molto suggestivo, dove è molto chiara l’impronta germanica, che ha caratterizzato il suo passato.

E’ famosa per la sua mummia Oetzi, rinvenuta in un ghiacciaio al confine con l’Austria in un ottimo stato di conservazione e ospitata oggi all’interno del museo archeologico dell’Alto Adige.

Ma Bolzano è anche una città dove la storia si respira in ogni angolo, dove è evidente l’impronta fascista del quartiere subito dopo il Ponte Talvera e dove è stupendo rilassarsi sui verdi prati del Talvera. E’ insomma una città che ha tanto da offrire, per coloro che sono curiosi di scoprire…

I mercatini di Natale

Come non ricordare che l’Alto Adige è anche terra dei bellissimi mercatini di Natale! Ogni anno, nei maggiori centri urbani della provincia si svolgono infatti i tradizionali mercatini, dove numerosi stand di prodotti artigianali, si mixano a chioschi che propongono piatti tradizionali e il famoso vin brulé, utile per riscaldarsi nelle giornate più fredde.

I maggiori mercatini sono quelli di Bolzano, Merano, Brunico e Bressanone, ma ne esistono altri in piccoli centri altrettanto suggestivi, come quelli di San Candido e Dobbiaco.

Il lago di Carezza

Quando si parla di laghi altoatesini, è impossibile non nominare il Lago di Carezza, che è un altro splendido esempio di lago alpino. Il lago di Carezza stupisce lo spettatore principalmente per il colore turchese delle sue acque e il magico contesto all’interno del quale è inserito: il lago si trova infatti circondato da foreste di abeti e sul suo sfondo si scagliano prepotenti alcuni massicci dolomitici. E’ un vero spettacolo per gli occhi!

Il lago si raggiunge abbastanza facilmente da Bolzano, seguendo le indicazioni per la Val d’Ega e proseguendo poi in direzione Val di Fassa.

Merano

Che dire poi di Merano? La seconda città per dimensione dell’Alto Adige sembra essere appena uscita da una cartolina. Merano è una piccola cittadina, che possiede nel suo centro storico dei bellissimi portici, all’interno dei quali si trovano molti negozietti tradizionali o tipiche locande dove fermarsi a mangiare qualcosa.

La cittadina possiede numerose strutture ricettive di alto livello, specializzate nei trattamenti termali e nei centri benessere per la salute del corpo.

Related post